Leishmaniosi
origine - sintomi - diffusione - terapia - prevenzione

Origine

Gruppo di malattie infettive causate da protozoi del genere Leishmania, di cui le forme più importanti sono la leishmaniosi viscerale (o kala-azar), la leishmaniosi cutanea, la leishmaniosi mucocutanea e la leishmaniosi cutanea diffusa. Interessano i roditori e i cani, dai quali vengono trasmesse all’uomo mediante puntura di un vettore (pappataci o flebotomi). I microrganismi si replicano all’interno dei macrofagi, i quali innescano la risposta immunitaria responsabile dei sintomi clinici. Le principali malattie provocate da questi protozoi sono il Kala-azar indiano, l’anemia splenica infantile, il bottone d’oriente e la leishmaniosi americana.

Forme ematiche di Leishmaniosi donovani agente del "kala-azar"

( Scienze biologiche. Ed De Agostini)  

Sintomi

Nella forma cutanea e mucocutanea si formano infiltrati caratteristici (bottone d’Oriente) che tendono a ulcerarsi. Il Kala-azar indiano è caratterizzato da ipertermia, pigmentazione scura della pelle, ingrossamento della milza, anemia. L’anemia splenica infantile ha sintomi analoghi alla forma precedente, con mortalità elevata. La forma viscerale presenta lesioni sistemiche diffuse con febbre, diarrea, tosse e sintomi legati alla compromissione di molti organi, tra cui epato-splenomegalia (anche cirrosi), pancitopenia, linfoadenopatie e possibilità di emorragie digestive.

Diffusione

Le leishmaniosi sono presenti in tutti i continenti tranne che in Australia, ma più frequentemente nelle zone tropicali. Il Kala-azar indiano colpisce adulti e bambini in Asia e nell’Africa settentrionale; l’anemia splenica infantile e presente nel bacino del Mediterraneo, di preferenza fra i bambini; il bottone d’oriente prende il nome dalla sua diffusione nelle aree tropicali orientali, mentre la leishmaniosi americana è presente nell’America del Sud e in Messico.

Terapia

La diagnosi richiede biopsia o aspirato delle lesioni cutanee, del midollo osseo e dei linfonodi. La terapia si basa sulla somministrazione di preparati a base di sodio antimonio gluconato.

Prevenzione

Come per tutte le malattie provocate da vettori, è importante utilizzare, quando è possibile, repellenti e, nelle abitazioni, proteggersi dall’ingresso dei parassiti. Altrettanto necessario è evitare il contatto con cani randagi e disinfestare le abitazioni dai roditori.