PICCOLO GLOSSARIO DEL LEGNO

Anidride Carbonica: gas formato da Carbonio e Ossigeno. Costituente dell' atmosfera che si produce durante la respirazione degli esseri viventi e dalla combustione di sostanze organiche. Viene fissato dalle piante mediante la fotosintesi clorofilliana. Contribuisce all’aumento dell’effetto serra.

Biomassa: materiale organico costituito da residui delle coltivazioni o piante.

Campana: contenitori colorati posti lungo le strade che servono alla raccolta dei rifiuti riciclabili come vetro, carta, plastica e metalli. Esistono contenitori più piccoli per la raccolta di pile e farmaci.

Compensato: semi-lavorato costituito da sottili fogli di legno.

Conai: Consorzio Nazionale Imballaggi che si occupa della raccolta e del riciclaggio di tutti gli imballaggi.

Cippatura: frantumazione meccanica che riduce in pezzetti di pochi centimetri o in trucioli il legno.

Compost: concime organico, di colore scuro, usato per l'agricoltura e frutto della decomposizione del materiale biologico per la produzione humus.

Discarica: zona in cui vengono raccolti e accumulati i materiali di rifiuto come gli scarti della lavorazione industriale, dell’edilizia e i rifiuti solidi urbani.

Effetto serra: aumento diffuso della temperatura della terra, in quanto il calore viene trattenuto da un’anomala quantità di anidride carbonica nell’atmosfera.

Essiccatoio: forno che riduce l’umidità del legno.

Imballaggio: contenitore che trasporta merci o sostanze.

Metano: gas incolore, inodore, costituito da un atomo di carbonio legato a quattro atomi di ossigeno, che si forma dalla decomposizione delle sostanze organiche. Contribuisce all’aumento dell’effetto serra.

Ossigeno: gas inodore, incolore indispensabile alla vita organica, costituente principale dell’aria e dell’acqua.

Pannelli truciolati: tavole costituite da tante particelle molto piccole di legno, poi pressate assieme ad un collante.

Pallet: pedane usate per l’appoggio di varie merci. E’ di dimensione uniforme in modo da poter essere manovrata con carrelli elevatori.

Raccolta differenziata: dividere i rifiuti in carta, vetro, plastica, metalli e rifiuti organici dal resto degli scarti. Questi poi vengono introdotti nelle rispettive campane, che sono vuotate dagli addetti alla raccolta e trasportati ai diversi centri di riciclaggio.

Recupero energetico: rifiuti bruciati in appositi forni per recuperare calore e quindi energia. Non tutti i rifiuti bruciano, infatti il vetro e i metalli non consentono il recupero energetico, mentre la plastica, gli stracci, la carta e il legno producono notevoli quantità di calore.

Riciclaggio: tecniche di lavorazione che trasformano i rifiuti in prodotti nuovi.

Rifiuto organico: scarti di cucina delle famiglie, come bucce di frutta e verdura, ossa di pollo, gusci di uova, ecc…tagli di prati, siepi e potature.

Rilegno: consorzio nazionale che si occupa della raccolta e del riciclaggio di imballaggi di legno.

Riutilizzo: il prodotto che viene riutilizzato più volte senza subire trasformazioni.